Consorzio Stabile Real Italy

“Trovarsi insieme è un inizio,
restare insieme un progresso,
lavorare insieme un successo.”
“Trovarsi insieme è un inizio,
restare insieme un progresso,
lavorare insieme un successo.”
Consorzio Stabile Real Italy
Consorzio Stabile Real Italy
Vai ai contenuti

LA VELOCITA’ VINCE SULLA BUROCRAZIA

Consorzio Stabile Real Italy
Pubblicato in NEWS · 11 Luglio 2018
L'anti-corruzione non è più la priorità. E' più importante la velocità e dunque lo snellimento della burocrazia. Cambierà in questo senso, stando a quanto anticipa Repubblica, la normativa sugli appalti pubblici che dovrebbe essere modificata entro la fine dell'anno.
La priorità del governo è  quella di sbloccare gli appalti pubblici, liberandoli dalle presunte pastoie burocratiche. Occorre rivedere il Codice degli appalti e anche sopratutto il ruolo dell'Anac, l'Autorità presieduta da Raffaele Cantone.

Perché l'obiettivo è liberalizzare e privatizzare. Si torna dunque alla "Legge Obiettivo" del governo Berlusconi, che metteva in mano ai privati tutte le decisioni, normativa archiviata perché rendeva più facile la corruzione.

Per il governo M5s-Lega, uno snellimento della procedura potrebbe essere il volano della ripresa. Già perché il Codice degli appalti sarebbe talmente complicato da aver frenato i bandi di gara. Ecco dunque che un organismo di cui fanno parte il ministero delle Infrastrutture, la presidenza del Consiglio, l'Ance e l'Anac, dovrà studiare le modifiche.

Ma la prima modifica da fare riguarda proprio l'Anac, il cui ruolo sarà ridimensionato notevolmente. Cantone non avrà più la possibilità di impugnare i bandi e stabilire le regole di vigilanza. Stesso discorso per i controlli sull'equo compenso e l'accreditamento delle imprese. Saltano, insomma, tutti i controlli preventivi.

Altro punto fondamentale per il governo è la privatizzazione. Il controllo dei processi di affidamento e realizzazione delle grandi opere passerebbe dal pubblico al privato, attraverso il sistema delle "concessioni", come nella "Legge Obiettivo" di Berlusconi.

Infine i subappalti. La normativa attuale prevede un tetto del 30%, che il governo punterebbe ad elevare se non a eliminare del tutto.



Copyright © 2019 Consorzio Stabile Real Italy. Tutti i diritti riservati. | C.F.: 95103750246 | P.IVA: 03574760249 | Privacy Policy
Torna ai contenuti